Giorno 23 febbraio

La passione di Gesù Cristo XII STAZIONE

Gesù muore sulla croce

Dal Vangelo secondo Marco. (15, 33-34.37.39)

“Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Alle tre Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lema sabactàmi? Che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?... Ed egli, dando un forte grido, spirò…Allora il centurione che gli sta di fronte, vistolo spirare in quel modo, disse: “veramente quest’uomo era Figlio di Dio!”.

O Gesù, tutto è compiuto! Alle tre del pomeriggio hai esalato l’ultimo respiro. Tutto si è fermato intorno a te e il silenzio ovattato della morte è stato rotto dalla terra che ha tremato, perché in quel momento moriva il Figlio di Dio. Molti, in preda al terrore, lasciando ogni cosa, scappano via. Sotto la croce, resta tua madre che, abbracciando quel legno coperto di sangue, versa le sue ultime lacrime prima di seguire Giovanni, tuo discepolo prediletto. Ad essi, prima di morire, hai affidato il tuo testamento, dicendo a tua madre: ecco tuo figlio e a Giovanni: ecco tua Madre. Fà o Signore che il nostro amore per te non vacilli mai e donaci la forza di seguirti fin sotto la croce. Il ricordo della tua morte, e la promessa fatta al buon ladrone sulla croce: oggi sarai con me in Paradiso, diventino per noi segno di speranza per una morte santa. Grazie per averci donato come madre la tua stessa madre, dalla quale possiamo attingere sicurezza, se desideriamo risorgere con te. Concedi anche a noi, nel momento del distacco dalla vita terrena, di abbandonarci nelle tue mani e in quelle della tua Santissima Madre.

Vergine degli ultimi tempi, nell’ora della nostra morte non ci abbandonare, prendici per mano, guidaci all’incontro con Gesù. Donaci la grazia di chiudere gli occhi ripetendo con tuo Figlio: tutto è compiuto! e aggiungere: nelle tue mani metto il mio spirito. Amen.

Prega il Santo Rosario on line  

HOME-PAGE